Soci ANDI Pavia

ANDI PAVIA Giovani

PRESS

AREA PUBBLICA

Newsletter e MemorANDIPavia

FacebookDeliciousLinkedinRSS Feed

“Concorrenza e odontoiatria” da IlSole24Ore (del 24 agosto a pag.8)

“Leggiamo sul Sole24Ore del17 agosto 2017 il contributo a firma di Marcello Tarabusi e Giovanni Trombetta che commenta la legge 124/2017 sulla “concorrenza” in odontoiatria e, purtroppo, siamo nella condizione di non condividere affatto le note positive dell’articolo.

Di fatto, la legge non fa altro che ribadire che l’attività odontoiatrica può essere esercitata solo da un abilitato alla professione di odontoiatria, e ci mancherebbe! La legge ribadisce poi un concetto che è già la regola in molte Regioni italiane: il direttore sanitario dello studio odontoiatrico deve essere un odontoiatra e se l’ambulatorio è polispecialistico vi deve essere un responsabile sanitario della branca odontoiatrica abilitata all’esercizio dell’odontoiatria.

Anche qui, appunto, nulla di nuovo.

Una piccola innovazione positiva la legge la introduce affermando che il direttore sanitario responsabile per i servizi odontoiatrici svolge la sua funzione in una sola struttura.
Si tratta senz’altro di un passo avanti nel segno della legalità e della professionalità: chi sceglie di ricoprire questa funzione deve farlo dedicandoci tempo e impegno personale.

Il problema, tuttavia, è che l’esercizio dell’attività odontoiatrica è altresì consentito alle società operanti nel settore odontoiatrico”.

La legge è legge e va rispettata ma ci permettiamo di esprimere il nostro dissenso e ci spieghiamo meglio.

Per consentire agli Ordini dei medici e degli odontoiatri di esercitare appieno il controllo di carattere deontologico non solo sull’operato dei singoli ma anche sull’operato dei soggetti commerciali che operano nel campo medico e odontoiatrico, è necessario che siano i professionisti o le società tra professionisti gli unici soggetti deputati a svolgere l’attività odontoiatrica e questo per il semplice fatto che sono gli unici a poter essere sottoposti al vaglio degli Ordini.

Le società di capitali, verso le quali non abbiamo alcun tipo di preclusione o pregiudizio, possono e devono fare altro: possono  possedere gli strumenti, possono possedere i locali, possono erogare i servizi di supporto alle attività ma non dovrebbero, a nostro avviso, essere ammesse ad esercitare un’attività squisitamente clinica.

Questo è il vulnus determinato dalla nuova legge ed è ben lungi dall’essere fugato dal fatto che il mancato soddisfacimento della presenza di un odontoiatra come direttore sanitario possa determinare la sospensione della loro attività … e anche qui viene da esclamare, e ci mancherebbe.
Ci aspettiamo un forte intervento della Federazione per modificare questo importantissimo passaggio della legge che, tra l’altro, pone l’odontoiatria nella strana e unica posizione di poter essere esercitata da una società di capitali (pur utilizzando, e meno male, solo professionisti abilitati)”.


Questo articolo uscito a firma del Presidente dell’Ordine dei medici di Milano Dottor Roberto Carlo Rossi e del Presidente della Commissione Albo Odontoiatri Dottor Andrea Senna e Socio ANDI Milano oltre a mettere a fuoco con chiarezza una contraddizione contenuta nella legge sottolineando come la stessa legge permetta la convivenza di realtà diverse e tra loro contrastanti, ovvero gli odontoiatri e le società di capitali, fa riflettere sul fatto che, ancora una volta una legge sottovaluta e svilisce la figura sanitaria dell’odontoiatra stesso.

Non avrebbe dovuto nemmeno sfiorare la mente del legislatore lasciare aperta una falla che dà adito alle società di capitali di stravolgere la norma stessa dando modo di reinterpretarla a proprio vantaggio e a danno dei pazienti e nostro.
Il solo pensare, infatti, di mettere sullo stesso livello un professionista della salute quale è un odontoiatra, e un professionista del commercio e della finanza significa non avere per nulla chiaro il senso, il valore e l’etica dell’operato del professionista sanitario.
Quello che vorremmo ora da parte delle istituzioni e di chi dovrebbe rappresentarci sindacalmente, è un rinsavimento, seppure tardivo, e quindi un emendamento alla normativa almeno su questo “argomento” che suona alla stregua di un insulto, o peggio di una beffa!, per tutta la nostra categoria.

Ormai i fallimenti di questa amministrazione sono davanti agli occhi di tutti.

Il momento delle scelte si avvicina.. dobbiamo voltare pagina.

Marco Colombo
Presidente ANDI Pavia

Carta dei Servizi 2017

Corso ANDI Pavia 2017

Calendario

<<  Novembre 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
131415161719
20212223242526
27282930   

Corsi

Aggiornamenti in ambito endodontico

Novembre
Sabato
18
18 novembre Aggiornamenti in ambito endodontico Relatore: Dottor Gianluca Plotino    Collegio Volta Aula Magna v. Ferrata, 17 (Zona Cravino) Pavia  
08:30 h

ANDI Pavia - pavia@andi.it - Codice Fiscale 96003830187
Questo sito fa uso di cookie tecnici

Joomla template created by ComToCom di MiriamPaola Agili - P.IVA 01567170186 - email: comtocom@virgilio.it