Soci ANDI Pavia

ANDI PAVIA Giovani

PRESS

AREA PUBBLICA

Newsletter e MemorANDIPavia

FacebookDeliciousLinkedinRSS Feed

La nuova legge sulla concorrenza (L. 4 agosto 2017 n. 124) che dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, entra da oggi 29 agosto in vigore, tra le novità prevede l’obbligatorietà della comunicazione scritta del preventivo per tutti i liberi professionisti che rientrano nel novero delle cosiddette “categorie regolamentate”.

Quindi l’obbligo investe anche gli odontoiatri.


Da oggi, infatti, non sarà più lasciato alla facoltà del paziente la richiesta del preventivo scritto o anche comunicato verbalmente ma sarà obbligatorio per il professionista redigerlo e consegnarlo al paziente.

La novità sta proprio nella “obbligatorietà” in quanto finora il preventivo era previsto ma la normativa non ne rendeva ineludibile la versione scritta.
Potrà essere scritta su carta o in forma digitale anche con una mail ma deve essere messo per iscritto.

Come ricorda anche ConfProfessioni, il professionista deve "rendere noto obbligatoriamente, in forma scritta o digitale, al cliente il grado di complessità dell’incarico, fornendo tutte le informazioni utili circa gli oneri ipotizzabili dal momento del conferimento fino alla conclusione dell’incarico e deve altresì indicare i dati della polizza assicurativa per i danni provocati nell’esercizio dell’attività professionale”.

Quindi con l’articolo 9 comma 4 della nuova legge cosa diventa indispensabile comunicare al paziente?
La previsione dei costi e articolata per voci di spesa, con l’indicazione degli oneri, delle spese anche forfettarie e il compenso del professionista.

Viene così modificato il decreto Legge 1/24 gennaio 2012 poi diventato legge 27/24 marzo 2012 stabilendo che “la misura del compenso è previamente resa nota al cliente obbligatoriamente, in forma scritta o digitale, con un preventivo di massima deve essere adeguata all’importanza dell’opera e va pattuita indicando per le singole prestazioni tutte le voci di costo, comprensive di spese, oneri e contributi”.

Da quanto afferma il legislatore che utilizza l’espressione “oneri ipotizzabili ” si evince, quindi, che il preventivo “di massima” per quanto sia predisposto in modo puntuale, rappresenta pur sempre una stima senza il carattere della “definitività”. 
Da una prima analisi, inoltre, non pare che si possa parlare ancora di “nullità di un accordo” che non rispetti questo obbligo anche perché si è ancora alla fase iniziale di questo passaggio verso l’obbligatorietà ma resta il fatto che il professionista non in regola potrebbe essere raggiunto da una sanzione che intanto, almeno per ora, manca

L’altra novità che riveste carattere di obbligatorietà per tutti i professionisti iscritti agli Ordini (e/o ai Collegi) in questa nuova legge 124/2017 è l’indicazione e la comunicazione dei titoli posseduti e le eventuali specializzazioni per "assicurare la trasparenza delle informazioni nei confronti dell'utenza" (art. 1, comma 152).

 

Share

Carta dei Servizi 2017

Corso ANDI Pavia 2017

Calendario

<<  Novembre 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
131415161719
20212223242526
27282930   

Corsi

Aggiornamenti in ambito endodontico

Novembre
Sabato
18
18 novembre Aggiornamenti in ambito endodontico Relatore: Dottor Gianluca Plotino    Collegio Volta Aula Magna v. Ferrata, 17 (Zona Cravino) Pavia  
08:30 h

ANDI Pavia - pavia@andi.it - Codice Fiscale 96003830187
Questo sito fa uso di cookie tecnici

Joomla template created by ComToCom di MiriamPaola Agili - P.IVA 01567170186 - email: comtocom@virgilio.it